Ruminare la morte del padre

La storia si fa o non si fa. Ma veramente rispetto alla morte del padre la notizia è lenta. Si sarebbe in torto nell’imbarcare Nietzsche in siffatta storia. Poiché Nietzsche non è colui che rumina la morte del padre, e che passa il suo bel paleolitico a interiorizzarlo. Al contrario: Nietzsche è profondamente stanco di tutte queste storie intorno alla morte del padre, della morte di dio, e vuol porre fine agli interminabili discorsi su questo, discorsi già di moda al suo tempo hegeliano.

watermark_200810SelfPromo_Reed_Czekalinski7

G. Deleuze e Félix Guattari, L’anti-Edipo. Capitalismo e schizofrenia, 2002, Einaudi, Torino, p. 118.
“Untitled”, 2007, Drawing, ink and graphite on paper – credits to © Mary Czekalinski, artdoxa.com

Omocausto e sentinelle in piedi: i grandi problemi col reale

Seppure alcune ricerche antropologiche descrivano efficacemente i movimenti antigay in cui ci imbattiamo oggi, non problematizzano e non colgono il fondo teorico tutto religioso di questi fenomeni che si sviluppano da rapporti complessati con il reale.

«Sapete solo insultare, noi vogliamo gli argomenti»

«Noi organizziamo convegni, voi parate.»

Ho sintetizzato in due affermazioni gli argomenti principali dell’attuale lotta contro l’omosessualismo, mentre le mostruosità nazifasciste non hanno bisogno di esplicitazioni ulteriori.

La seconda affermazione è falsa, mentre la prima è circolare. Alla luce di ciò ritengo improbabile considerare schiaccianti le affermazioni di un certo conservatorismo.

Memorial_to_Gay_Victims_of_the_Holocaust_in_Risiera_di_San_Sabba-1280x960

Cari amici,

La premessa, tutta personale, che vorrei anteporre all’intervento sull’omocausto, è che i matrimoni e le adozioni per le coppie omosessuali sono vittorie leggere della democrazia. Bisogna davvero ripensare i rapporti e i dispositivi concettuali in cui nuotiamo inconsapevoli.

Mi sono sempre riferito alle sentinelle in piedi come a individui come tutti noi ma contraddistinti da un gusto apocalittico. Non è un caso che questo genere di fenonemi antigay – e non serve una borsa di studio per capirlo – si sviluppi in ambienti dove le idee circolano ma senza libertà di connessioni, in ambienti in cui è forte la componente religiosa. Quest’ultima fa sempre riferimento al buon senso e al reale seppur si ritrova a negarli entrambi all’occorrenza, quando propone –con scaltra ratio– di amare i propri nemici e quando propone di vivere nel mondo ma non essere del mondo.

I militanti prolife leggono il reale in modo che sia razionale e ritengono che ciò che per loro è razionale sia fatto reale. [vedi questione sulla famiglia naturale della Cost. it. termine da sostituirsi con razionale]

La naturalità della società è la normatività dell’elemento ricorrente e dire che le foglie sono verdi significa legittimarsi come gli unici a vedere le cose come stanno, come gli unici paladini della vita contro i cavalieri neri della morte. E chi cavalca gli oscuri destrieri? Per la precisione le lobby gay del nord del mondo. Se mi stanno leggendo gli “uomini” di tali associazioni lobbistiche di invertiti che camminano con le orecchie, lancio un appello di aiuto, continuate pure questa opera apocalittica di distruzione di massa ma aiutate gli omosessuali indigenti.

Ritorno serio. È cristallino che, per queste frange estremiste, naturale è sinonimo di morale; ma soprattutto di razionale. Così la sovrastruttura etica è biologia, è dna, è evidenza. L’approccio delle scienze oggi resta critico, scientifico, ma alcuni trovano sia più facile farsi abbagliare da presunte verità paradigmatiche.

Comunque il parametro della frequenza non è abbastanza per additare qualcosa come naturale, come non lo è quello degli ‘usi e costumi’. Come non esiste che Tizio e Caio, sulla base di qualche osservazione, ascrivano del finalismo a un concetto per niente delineato come quello di natura, o, peggio, lo personifichino.

Perché alcune religioni hanno problemi con gli omosessuali?

Alla luce di quanto ho scritto nell’incipit ritengo sia ovvia la risposta. La fede opera sulla realtà il cambiamento necessario a renderla vera, a rendere la sua consolante verità. Qualcosa che esuli dalla nostra buona e giusta lettura non può essere accettato. Ordiniamo le cose del mondo. Ordine. Con relativa controparte caotica.

Così, lo sterminio di omosessuali, asociali, nomadi, ebrei, si è potuto perpetuare in virtù di un cambiamento di mentalità ordito sulle masse. Prima si rende l’essere umano minoranza, poi subumano, infine oggetto e poi più nulla; l’annientamento sociale è in vista di quello fisico. Questi cambiamenti sono possibili soltanto operando in modo religioso sul reale (anche l’ateismo acritico è religioso), ma solo quel reale che si rende sconvolgente. Alcuni preti in Uganda ritengono che il rapporto amoroso tra due individui di sesso maschile sia all’insegna della coprofagia reciproca [vedi video youtube], ecco che per alimentare il disprezzo si servono di paura e shock.

La reazione spropositata avutasi in Italia con i movimenti provita è l’ennesima riprova che il discorso regge. Specie in una società famigliocentrica quando il pericolo è dirottato volutamente sui bambini.

Le sentinelle in piedi si presentano come difensori della realtà, i loro discorsi sono il registro dell’evidenza, del buon senso rassicurante. È forte il bisogno di rassicurarsi tra loro, proprio come accade con i messaggi della religione o come accade per la religiosa proposta di un aldilà. Il nemico si chiama agenda gender oppure dittatura del gender mentre gli studi queer o gli studi sul genere sono diversificati e mai acritici, e sono inoltre attribuibili a studiosi di diverse estrazioni sociali, da differenti parti del mondo, che abbracciano tanti credo o sono atei o agnostici.

Contenuto nostalgico è anche il richiamo alla salvezza. E il riferimento costante alla realtà si configura all’interno di questo schema che comprende anche il perdono del padre. Il padre è la fonte normativa per eccellenza nello schema che costruisce i rapporti in senso patriarcale – schema che va via via dissipandosi verso una società senza padri [A. Mitscherlich, Verso una società senza padri] – e forte resta in queste frange il bisogno di ordine.

Mi scuserete se per questo post non approfondisco ulteriormente il discorso dio-padre, rischierei di perdere il filo, ma osservo che, stando alle tesi proposte, il gender, pensato dalla parte delle sentinelle ed espresso al singolare come dev’essere per l’elemento dittatoriale, è il progetto di denaturalizzazione della società. Dire che la tal cosa denaturalizza significa asserire di conoscere ciò che invece è naturale.

La volontà di conoscere come la società si debba determinare è una tesi che possiede un vivo e doloroso parallelismo con le tesi che precedono l’omocausto e ne attivano le mostruosità.

Il nazismo, tra le altre, era infatti una imposizione normativa e categoriale in vista di una società migliorata e le proposte perseguite discendevano sempre da uomini la cui pretesa era quella di aver capito e conosciuto come le cose dovessero andare: la Natura. Ma la natura è un concetto umano, frutto di una tendenza tassonomica all’ordinamento delle cose del mondo, l’evidenza di averlo capito e di possederne la chiave è un’argomentazione inconsistente oltreché circolare.

Come osano degli esseri umani imporsi su altri esseri umani, elevarsi a componenti determinanti di un codice e tacciare altri di irrilevanza? Come se vi fosse davvero un unico codice. Chi sei tu per sostenere che la tua interpretazione non è una interpretazione ma un rispecchiare l’esattezza dell’essere delle cose del mondo. L’unico modo in cui si può pretende di leggere la natura è dopo aver convenzionalmente stabilito tutti insieme di averla scritta e istituita.

Io sono consapevole di parlare al vento, sono consapevole che il muro è ancora lì, per ora. So che il tempo saprà dare la giusta forza al contenuto. Auguriamoci almeno in occasione di questa giornata che anche chi non è in grado di imparare sia almeno capace di ricordare.

 

Con rispetto per tutti gli uomini e disprezzo per le addizioni, un abbraccio

Federico

Chiudo il canale, non la lotta all’omofobia

Ringrazio di cuore tutti quelli che ho conosciuto e che hanno apprezzato il mio voler proporre la discussione sopra la sola risata.

«La lotta all’omofobia rappresenta un esercizio che non si può esaurire; non ora, non in questi termini.»

«Youtube ha inaugurato la mia e nostra battaglia.»

«Spingere il ragazzo a rispondere/interagire con il carnefice è pura barbarie, bisogna difenderlo.»

«Vale la pena chiudere il canale anche solo per poter cestinare le centinaia di migliaia di commenti omofobi»

youtube-23-535x535

Voglio premettere che la quasi totalità delle persone con cui mi sono confrontato trova che le argomentazioni proposte nei mie video, quando non addirittura banali nella loro semplicità e verità, generalmente sono state sempre condivisibili e ragionevoli.

Chiudo il canale nato nel 2009. Il fenomeno del broadcasting individuale stava appena prendendo piede quando mi accingevo a registrarmi su Youtube, gli studiosi del 2.0 erano appena stati sguinzagliati. Io invece producevo. Non mi vergogno a scrivere che ero ben presente quando Youtube sembrava ancora qualcosa di libero.

A conti fatti YT è servito in un periodo di assestamento della mia vita a garantirmi l’appoggio sebbene virtuale di persone meravigliose che ringrazio fin d’ora per il loro sostegno, i loro messaggi personali, i commenti agguerriti, le lunghe chattate disinteressate. Questa confessione è anche un lungo e sentito ringraziamento. Devo loro molto, tra cui le cristalline considerazioni, per nulla banali al tempo, che l’orientamento sessuale, qualunque fosse, non rappresenta motivo di scherno né che da una sua espressione non-tradizionale debba discendere uno stigma. La remissività e lo sdegno magari componenti del mio carattere attuale sono inezie pusillanimi che Dede Nancy, di fronte a una telecamera, pensava bene di dimenticare del tutto.youtube

Il canale iosonodede è servito allo scopo di inaugurare una guerra che prima era combattuta solo da un fronte nei miei riguardi. Una situazione di ingiustizie subite, quest’ultima, che ho scoperto, soltanto dopo, accomunare molti adolescenti. Ma nel dolore dell’esclusione sociale si è soli per definizione. Dunque Dede segna l’inizio del mio controfuoco come necessità. Sarebbe bastato così poco per farla smettere, questa guerra, dico. Una riposta ben piazzata. Quando rispondi non se lo aspettano e affermi anche la tua estensione fisica, la tua presenza e, se lo fai bene, suscitando un riso-di-rimando, affermi anche la tua virilità. Ma perché questa dev’essere la strada? Il postmoderno mi aveva inconsapevolmente aperto a una chance diversa, più civile. Spingere qualcuno ad interagire con il carnefice inoltre è pura barbarie, questa frase vuole essere un monito. Ora che chiudo il canale la guerra è finita?

Attraverso quell’account ho imparato diverse cose e ho impattato con la società civile e la sua frammentazione. (Col canale ho anche tenuto compagnia alla mia professoressa di italiano del liceo, durante i giorni che ha trascorso in ospedale. E altro)

Ho notato, per dirne una già nota ai più, che con la formula della comicità si possono esprimere idee ben più terribili e mirate che con la discussione: il giullare vive, il moralista muore.

La comicità, anche grottesca, se suscita la risata dà all’utente la percezione di aver investito il suo tempo in benessere, qualunque sia l’argomento proposto. Inutile ribadire l’effetto neutralizzante di questo schema, come altrettanto inutile è riconsiderare che una impostazione dialogante aperta alla discussione (la mia) non è stata, come credevo, capace di attuare una ricerca della verità ma solo di costruire la poltrona dalla quale l’individuo moderno, senza dover camminare, monade e custode delle sue chiavi che sono un telecomando o un touch, si costruisce il suo paradiso.


Insomma, dato che ognuno suppone la sua verità, non mi era possibile intavolare una discussione se non in rarissimi momenti. Piuttosto interponevo delle battute ai messaggi che proponevo o cercavo di rendere una forma del contenuto più rilassata, per adeguarmi ai ritmi, ma tutto ciò è stato letto, al contrario, come superficialità.

Il motivo per cui chiudo Youtube è che ho trovato altri canali per combattere l’omofobia; canali compartecipati. In campagna la telecamera, in città l’associazione. Lo chiudo anche per il fatto che il mondo del lavoro non è adatto a forme evidenti di a-convenzionalità, sebbene premi la perseveranza di idee non-convenzionali, apprezzando quel uncommon creativo pur sempre finalizzato al profitto, che magari passa fugacemente per la creazione di benessere personale. La mancanza di convenzioni è il grande limite del mio personaggio, Dede non ascolta le regole perché si è ritrovato scaraventato all’esterno di queste, eppure mantiene nei confronti dell’altro, senza appartenenze, un incredibile rispetto. Mentre ironicamente sarei potuto essere rispettato maggiormente se ci avessi guadagnato. Ma questo non è mai accaduto ed è un altro discorso. Essere un pioniere di Youtube significa tratteggiarmi come un videomaker amatoriale che non ha disposto certo di mezzi cinematografici di alto livello, ma questo anche per una precisa scelta-di-contesto. Youtube non era Hollywood. Non era.

In realtà non nasco nemmeno proprio come attivista, dai 16 anni la mia campagna di informazione contro l’omofobia comincia per il motivo che anche io volevo esserci, mi sentivo escluso dalle dinamiche. Il ragazzo di campagna teme di essere solo al mondo è un leitmotiv già sentito, ma pur sempre da evidenziare. È difficile, non impossibile, che qualcuno che non sperimenta il ritrovarsi al di fuori della maggioranza, sostenga la minoranza. Anche grazie a una parziale esclusione da certe dinamiche si sviluppano delle sensibilità. Così l’attivismo. Nulla di autoesaltante. Anzi.

Ho letto tanti insulsi insulti, fra i quali però ho riconosciuto dei barlumi. Alcuni di quelli che insultavano sono ritornati poi a chiedere scusa, dicendo di essersi finalmente accettati come omosessuali. Rari casi. Non farò nomi e cognomi per motivi di privacy ma devo moltissimo anche a tutti quelli che mi hanno difeso. Il mito virile del maschio che non chiede e non si fa aiutare è caduto e comunque meno che meno è mai esistito tra i fasci di combattimento che sono gruppi per definizione, non singoli.

Se Tersite avesse avuto un canale Youtube, avrebbe forse riscattato se stesso e i soprusi subìti, specie quelli da parte di Odisseo –immagine del perfetto prevaricatore–. La telecamera l’avrebbe dipinto come vittima di bullismo perché portatore di una verità schiacciante. La telecamera spezza la catena. La rispostina, no. Se Tersite avesse avuto un canale non ci sarebbe magari stato tramandato in questa luce antieroica come invece è successo a causa della compiacenza di un poeta.

Certo non è bene tradurre il passato con la propria personale concettualità, ma questo è valido fino a un certo punto. No? Qual è il motivo per cui è calendarizzata la giornata della memoria se non perché non possiamo accettare lo scandalo del passato come veramente accaduto? Ricordare l’indicibile. Ma indicibile per noi, non per la concettualità di chi, nel passato, lo poteva concepire. Ma sto divagando.

video-camera-movements

Perché mi sono proposto in modo eccessivo? Capelli biondi e trucco? L’essere eccessivo rientrava in una logica di diffusione più alta dei contenuti, questo schema mi è stato imposto, pena il non-esistere. L’eccessività di Dede Nancy rientrava anche in una sorta di voltairiano test di tolleranza dell’utente medio, tutto questo a scapito della produzione di una chiara fama in positivo. Non che la tolleranza sia un bene, la considero un presupposto.

Per molti italiani non v’è nulla di meno accetto del nuovo, tranne quando è innovativo. Questo nuovo o è chiaramente la comodità delle comodità o si deve ammantare di tradizionalismo per essere accettato. Un adolescente ragionevole e che riflette su tematiche importanti mentre i suoi coetanei ne sono completamente avulsi, è uno sprovveduto e un catalizzatore di insulti.

Sapete, non ho mai capito che problemi abbiano gli esseri umani con la virilità. Questi problemi si riflettono anche nel linguaggio (non nella langue), tanto che questo linguaggio è sempre pronto a deprezzare l’essere femminile, perché molle e passivo. Insomma, se ci si pensa un attimo, una donna connotata positivamente è una donna con le palle.

Ma l’insulto “vaffanculo” è un augurio! Significa “Salute, tanto sesso, tanti soldi, ecc.” A un “vaffanculo” si risponde “d’accordo, ti ringrazio.” Invece orrendo come insulto è, solo per fare un esempio, “auguri e figli maschi”. Suvvia, procediamo verso la società senza padri.

Se sapevo che ogni contenuto che proponevo, nel mio centinaio di video, sarebbe stato neutralizzato in partenza perché ognuno oggi si suppone garante di una inviolabile, personalissima e relativissima verità? No.

Amavo illudermi con lo spirito del martire. È infatti giusto che gli schiavi si lamentino di essere tali, come è giusto che qualcuno si lamenti di essere vessato e picchiato solo a causa di un polso ballerino. A questo mondo esiste il caos e non c’è un ordine naturale, per lo meno non è dato all’uomo percepirlo o conoscerlo, al massimo può tradurre certi aspetti del mondo –ma solo quello che esperisce– in linguaggio matematico, però a patto che tali considerazioni seguano esperimenti formulati in un paradigma, e comunque le formule non fanno di certo un tanto sbandierato ordine cosmico. Dico, è solo perché l’uomo è finito che è così ben visto l’infinito.

Spirito del martire. Fare la vittima?

Youtube e gli articoli vari, tra cui quelli sul mio blog La Penna Rossa, sono la prova che mi sono reso operativo invece che piangermi addosso e le collaborazioni con Shake lgbte, con Arcigay, con i vari enti e Comuni sono motivo di vanto. Certo conto sulla mano le volte del “ho letto il tuo blog” rispetto a quelle del “ho visto i tuoi video”.

Ora, se nel mondo gay è preferito il bello all’attivista a me non interessa. La mia lotta, come ho scritto, è nata non per farmi bello o esaltare la mia cultura, come pensano molti evidentemente con complessi culturali di inferiorità, ma per opporsi con fermezza agli pseudobulli, pseudobigotti, pseudofascisti e via dicendo. Con l’intento finale di azzerarli.

Nel mulino che vorrei non c’è spazio per l’omofobia della Barilla, né per il settarismo naturale degli adolescenti.

L’omosessualità d’altro canto manterrà sempre un vantaggio su altri tipi di divisioni; può raggiungere qualunque posto senza bisogno di propaganda, perché ci pensa la natura.

Che cos’è una telecamera?

La telecamera, che l’antieroe Tersite l’abusato non aveva, è la finestra con la quale ti affacci a un mondo apparentemente intero e parziale, nel senso distorto di una digitalizzazione. La telecamera associata a un sistema di broadcasting mondiale mi ha aiutato anche a incutere timore ai bulli ma nel frattempo mi ha caricato sulle spalle di riflessioni e responsabilità non richieste.

Vince lo slogan e il motto di spirito contro la barbarie, perché con la battuta non si passa per vittime ma per indifferenti superiori. E questo è appurato. Peccato che quando la sofferenza l’hai vissuta è difficile poi non prendersi sul serio e prodursi in proposizioni ilari. Ma ci si prova e molti ci riescono. I gruppi e la loro morale eteronoma e gretta non vedono che una minaccia nell’entusiasmo delle persone. Vessarmi era d’obbligo mentre cercavo di inaugurare per la mia vita un po’ di futuro. Quando attorno a te è fuoco, il futuro è lusso.

Ma producevo video per tutti i motivi che ho elencato, preparavo testi e stampavo e leggevo anche perché è indicibile d’altra parte la soddisfazione che ricevevo tutto le volte che mi venivano recapitati, via mail o nella posta del canale, messaggi che mi ringraziavano anche solo di esistere. Qualcosa che non avrò più.

Con la chiusura del canale finisce la lotta all’omofobia?

La lotta all’omofobia è l’esercizio di una guerra fisica e psichica mai interrotta ma solo allentata in certi momenti. Per questo dibattito –che non dovrebbe aver motivo d’esistere!– incentrato sulle espressioni omofobiche, il web rappresenta una fonte di sostentamento cosmopolita. Purtroppo con le piattaforme ho conosciuto, come altri assieme a me, anche tutta quella reflua ignominia che scorre dalle tastiere del mondo. È il caso di dirlo, vale la pena chiudere il canale, se non per la cancellazione della mia faccia dal web, almeno per il fatto di poter cestinare le centinaia di migliaia di commenti omofobi.

Riporto alcuni commenti che danno una cifra sommaria di quale fosse la partecipazione contro l’omofobia


Schermata 2014-04-26 alle 19.25.07

Schermata 2014-04-26 alle 19.20.54 Schermata 2014-04-26 alle 19.25.23Schermata 2014-04-26 alle 19.21.22 Schermata 2014-04-26 alle 19.21.10Schermata 2014-04-26 alle 19.21.29Schermata 2014-04-26 alle 19.22.22Schermata 2014-04-26 alle 19.22.48Schermata 2014-04-26 alle 19.24.27
Schermata 2014-04-26 alle 19.27.52Schermata 2014-04-26 alle 19.28.08

Progetto Omosessualista

Lo pseudo convegno veronese sulla famiglia del domani.

Ricordate il convegno promosso da Famiglia Domani a Verona e difeso pubblicamente dal sindaco Flavio Tosi?

 Family Standard

 

VERONA sabato 21 settembre al Palazzo della Gran Guardia si svolge il “convegno” sulla teoria del gender: per l’uomo o contro l’uomo? promosso dall’imparzialissima Associazione Famiglia Domani e dal Movimento Europeo per la Difesa della Vita (degli Altri) con il patrocinio della provincia e del comune.

Al primo piano dell’edificio due buttafuori controllano l’entrata della Sala Convegni del Palazzo e al piano terra, sotto il loggiato, gli interventi dei relatori sono trasmessi in videoconferenza, sorvegliata anche questa dalla polizia di stato. Poco più avanti numerose forze dell’ordine, con caschi neri, scudi e manganelli, sorvegliano il presidio di protesta organizzato dalle associazioni lgbt venete.

I relatori proposti si riconoscono in precisi e parziali e orientati ambiti di pensiero. Chiara Atzori è esperta di bioetica, ma propone davvero un dibattito imparziale su eutanasia e simili? Ci speravi? Matteo D’Amico è conferenziere in ambito di teologia morale. Vi lascio immaginare. Roberto Matte insegna Storia del Cristianesimo. Luca Galantini insegna all’Università Cattolica di Milano. Dina Nerozzi è autrice di testi scientifici i cui titoli riecheggiano inquietanti ricordi, ad esempio, Il ritorno allo stato etico. Mario Palmaro insegna bioetica alla -neanche a dirlo- Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma ed è redattore della rivista reazionaria di apologetica cattolica il Timone.

L’inizio del convegno è dedicato allo scovare e ribadire secoli di pregiudizi e paradigmi e pregiudizievoli paradigmi. È vero, secoli fa l’omosessualità era perseguitata e quindi non risultava nelle leggi come regolamentata, ed è vero che, anzi, proprio attraverso le leggi è stato condannato Oscar Wilde, ma è altrettanto vero che prima dell’avvento del medioevo, ad esempio durante il periodo della Grecia classica, le cose erano ben diverse.

È accusato a più riprese lo Stato secolarizzato che ha sostituito alla vera Trinità sancita dai testi sacri, Padre, Figlio e Spirito Santo, una versione moderna di libertà, uguaglianza e fratellanza, pur sempre dogmatica ma finta, perché non ispirata. Lo Stato si appoggia perciò a dogmi che discendono dal paradigma dei diritti umani. Riporto gli argomenti cui si appoggiano queste persone perché è interessante capirli per smontarli. Vedete, se il progresso è un’illusione è allora in virtù di questa immutabilità che si dovrebbe asserire che si stava meglio prima? No, si stava “uguali”, quindi non è possibile migliorare e allora perché auspicano un ritorno alla santa inquisizione?

vintage family

Raccogliamo le opinioni a fine convegno, ma gli organizzatori alle domande se possono dirci qualcosa in più, come a quelle sui motivi e le necessità che hanno spinto a organizzarlo, o evitano di parlare o dicono di non averci nulla a che fare. Non rispondono volentieri e fanno finta che non esistiamo, forse perché non ci hanno mai visto in chiesa. Si riconferma dunque una totale chiusura al dialogo, un disprezzo di un uomo, magari femmineo, che non rientri nei loro canoni e quindi un’evidente ipocrisia celata nella frase «non siamo contro i gay».

«Ciò che è naturale è evidente, è sotto gli occhi di tutti fin dalla nascita.» ribadisce una signora che non vuole nemmeno far sapere il nome. Ecco, il modo di procedere della discussione da parte di alcuni è così banale e assolutizzante che finisce per ridurre anche le possibilità di risposta del destinatario. Il convegno è stato talmente parziale e in mala fede e volto solo a fare il lavaggio del cervello che è quasi impossibile rispondere argomentando; cosa si risponde allo scherno di un bambino?

E francamente non credo proprio che a loro sia evidente che cosa sia naturale, visto che l’omosessualità in natura occorre nelle stesse percentuali in cui è presente negli esseri umani, (che peraltro sono natura).

Il volantino promozionale «Se vogliamo evitare che questo progetto totalitario diventi una tragica realtà dobbiamo riscoprire il valore sociale, culturale e morale, dei princìpi e delle istituzioni su cui da secoli si fonda la nostra civiltà, a cominciare dalla famiglia naturale.»

Alla domanda su questo “progetto totalitario” ci viene detto che si tratta di omosessualismo.

Il termine identifica un movimento ideologico compatto ma esteso, appoggiato da lobby europee e internazionali, con un chiaro progetto politico ed economico. Gli aspetti di marketing del movimento sfruttano concetti quali libertà e piacere per sovvertire l’ordine del mondo col fine del profitto.

Se non compreso e arrestato in tempo questo progetto omosessualista porterà a uno sfacelo della società. Nel degrado e nella decadenza generalizzati dei costumi sussisterebbero, tra le altre, la pedofilia legalizzata e la generazione di uomini in provetta per il profitto delle multinazionali o per rendere tutti omosessuali.

Ma dove sono queste multinazionali? Forse non sapete che ci sono multinazionali che appoggiano movimenti estremisti e ultrareligiosi come le Sentinelle in piedi, vedi l’articolo.

Pontifex non è un blog cattolico

Riflessioni sulla circolazione delle notizie, attraverso l’informatizzazione, che prendono a pretesto un noto blog dall’altrettanto noto programma.

Sono innumerevoli le credenze circolanti. Figurarsi quelle sbagliate.
Impossibili da giudicare tali nel gioco circolare della commutabilità.
Oggi almeno, prima di lasciarsi accecare dalla luce della verità, molti trovano tradizionalmente giusto sospendere il giudizio e ponderare i propri pensieri da tassonomia giudicante, proprio come in passato erano soliti agire gli uomini più saggi. Per sfortuna il modo d’essere del larvatus prodeo ha messo in circolo il virus del relativismo. Si livellano i gradi diversi di un approssimarsi alla verità e non ci si può affatto difendere con una moralina andersiana. Ecco dunque che compare, sul bordo del vuoto delle coscienze, la libertà di parola dell’odio e, nel caso in questione, del cattofascista.

Schermata 2014-02-04 alle 18.20.26

Quello dei bloggers di Pontifex è un messaggio di speranza a ritroso; vorrebbero riportare un’ordine nel mondo secondo un modello escatologico-scaduto. A suffragio della secolarizzazione di tale modello teleologico che una moderna filosofia della storia ha tratto come suo esito necessario dalla fede biblica, si rimanda all’opera di Löwith, un pensatore di certo non schierato tra le file di una categoria antiquata più dell’uomo stesso: quella à sinistra. Insomma, tutti sanno che il cristianesimo contiene un certo messaggio ateo [Hegel e Lacan, VII].

Pontifex è l’emergere di una amoralità che si spaccia per cristiana-cattolica, ma che in realtà è figlia legittima delle correnti vitalistiche, derivanti a loro volta da profuse distorsioni e incomprensioni, alle quali occorrono veemenza, forza del risentimento e una velata e sotterranea maschera pietista per agire. Sulla base di queste considerazioni è possibile affermare che tutti sono cristiani tranne i bigotti –con significato esteso– per i quali il messaggio è talmente travisato/stravisto da non essere affatto afferrato e compreso e dunque si escludono i cattofascisti, che del bigottismo ne fanno uno strumento teorico d’indagine. Allora si dice: Pontifex non è un blog cristiano-cattolico.
Se poi si volesse arditamente proseguire, l’esito sarebbe piuttosto sconsiderato e ilare e sbagliato. I bigotti non sono sono cristiani, tutti i cristiani sono bigotti, i cristiani non sono cristiani.

Inutile riconsiderare quanto supponenti siano le loro affermazioni sulle questioni che riguardano la natura delle cose e del mondo:
il sole si muove per noi, allora l’eliocentrismo è innaturale per i sensi.
Il creazionismo non può essere confutato, l’evoluzionismo sì.
La donna segue l’uomo.
Il testo sacro è sacro perché è sacro.
L’omosessualità è una depravazione o, anche, gli omosessuali sono pedofili (mancanza di nozioni di insiemistica).

E via dicendo, solo se la via è nel dicendo del signore.

Schermata 2014-02-04 alle 18.21.13

Sfruttando il, ancora una volta, cartesiano parametro dell’evidenza, affermano l’evidentissima necessità naturale delle cose, perciò l’eterosessualità, perciò la famiglia. Chiunque sia riuscito a seguire un loro discorso fino alla fine, vorrà rimettere apposto il biologismo ed eventuali donne che staccano la testa del compagno dopo avervici copulato.
Infatti la depravazione più grande del nostro tempo è di sicuro quella intellettuale e Pontifex, che vive di critiche come questa, vi contribuisce giorno per giorno.
È doveroso anche un ringraziamento, perché dopotutto le catene di banalità sono difficili da spezzare quando sono difese con forza e bisogna impegnarsi un poco per riuscirci abbandonando magari attività differenti come l’intrattenersi con video di presentatori che, per loro profitto personale, cercano appositamente casi umani da sottoporre al pubblico modaiolo ludibrio. Grazie a Pontifex può capitare che si rinunci al traviamento culturale. Ma dovremmo smetterla con l’aggrapparci ai mali minori.

Postmodernism

pornografia-per-plutocrati Guy Denning

Riguardo alla questione della forza dell’indole dell’atteggiamento, Nietzsche è molto chiaro, stranamente –come profeta di Dioniso– ci riferiamo alla «forza creatrice, foggiatrice e capace di trasmutazioni del saggio; sottolineando l’elemento proteiforme, molteplice, multiforme, plastico, imitativo, riproduttivo, trasfigurante della maschera aristocratica.»

[cit. G. GURISATTI, Scacco alla realtà, 2012, Quod libet, Macerata]

[img. G. DENNING, Pornografia per plutocrati, Novembre 2012]

Progetto Giornate della Consapevolezza con Banca della Marca

24 Maggio, Giornate della Consapevolezza organizzate da Giovani Conegliano del gruppo LabInn. Titolo ufficiale “Vita reale in uno spazio virtuale.”

La chance di creare consapevolezza.

Le giornate della consapevolezza, organizzate dal gruppo giovani LabInn in concerto con l’amministrazione comunale di Conegliano, si propongono come controffensiva culturale al periodo storico in cui viviamo o sopravviviamo.

Considerano sia la sfavorevole quanto mai egemone congiuntura economica, sia il particolare destino a cui andiamo incontro e a cui va incontro il concetto di identità nell’epoca dei social.

La riflessione prenderà vita le due mattine di venerdì 24 al Teatro Dina Ordi e sabato 25 Maggio, presso l’aula magna dell’ex Convento San Francesco a Conegliano. Per entrambe le mattine comincerà alle nove e finirà all’una. La prima mattinata sarà dedicata al tema sulla vita reale in uno spazio virtuale. La libertà nei social network. La seconda mattinata invece svilupperà in chiave economica il tema: generazioni, crisi e futuro nel Nordest.

Interverranno i relatori:

Sergio Maistrello giornalista freelance che partecipa anche al Festival Internazionale del Giornalismo, da oltre 15 anni vive e lavora in rete, dove osserva con penetrante accortezza le implicazioni sociali di internet.

Fabio Ghioni, star del web e dei forum di tutto il mondo, hacker secondo cui «mettergli in mano un computer è come dare una pistola a un killer» a detta dei magistrati che l’hanno accusato di intrusione informatica, il suo nickname è Divine Shadow e Divine Shadow è un portento.

Fabio Pagliaro, giovane giornalista di ben ventisei anni, lavora già con ANSA, La Stampa e il Messaggero Vento, scrivendo di economia e politica. Il suo ruolo peculiare sarà quello di consapevolizzatore attivo. Anche se lo scopo è che tutti possiamo essere consapevolizzatori di noi stessi e degli altri. Antonio Schizzerotto è un sociologo il cui nome ha dato la garanzia agli altri relatori della serietà dell’iniziativa GC. Conduce progetti internazionali di ricerca e di è occupato di moltissimi temi tra cui transizione scuola-lavoro e disuguaglianze di genere.

Davide Reina è Fondatore e Amministratore Delegato di VISIONANDO, società di consulenza direzionale. si occupa di marketing ed è docente alla Bocconi di Milano (SDA Bocconi School of Management) interverrà la seconda giornata a sfondo economico parlando di giovani e crisi.

Davide Girardi è dottore di ricerca in Sociologia dei processi comunicativi e interculturali presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università degli Studi di Padova, dal 2008 è ricercatore della Fondazione Nord Est per l’area Studi Sociali. Si è interessato in particolare di sociologia delle migrazioni.

Natura, pòlemos e violenza – parole a caso di un intervento in classe

Che Carlo Michelstaedter fosse ammalato di depressione, privilegio consentito a chi ha il padre alla direzione dell’ufficio delle Assicurazioni Generali di Trieste, possiamo soltanto supporlo. Che abbiano influito su di lui letture di autori dal padre indolente e dalla madre di uterina autorità, quali ad esempio Leopardi, anche.

Le sue considerazioni teoretiche a proposito del concetto di violenza e di pòlemos (forse non come lo intende Hitler nel Mein Kampf), ma come lo intende Umberto Curi nel libro dal titolo appunto pòlemos, ossia come un conflitto anteriore ai confliggenti, possono però essere lette alla luce di questo particolare contesto autobiografico.

Senza contare che Michelstaedter dimostra un atteggiamento nei confronti del circostante a sé tipico di quelli che si attaccano e fanno propria una zona, violenta, sublime, profonda, del mondo greco.

Non è che per caso la violenza è culturale? La matrice, la sua genesi è la cultura di un certo tipo di popolazione violenta e aggressiva di certo impostasi su altre popolazioni di stampo più pacifico? Non lo so. Ma so che tra poco non avremo neanche più esempi dal mondo animale cui riferirci. I bonobo muoiono continuamente di crepacuore. Sono animali che non confliggono, e che –Freud direbbe– scaricano le loro pulsioni aggressive (se ne hanno) in mete di tipo sessuale. E se fossero le nostre umane pulsioni sessuali ad essere scaricare in pulsioni aggressive?

-Elena! Ti voglio.-

-Non puoi avermi.-

-Uccido tutti. Bruci la città che ti ospita!-

-Patroclo, dove sei?-

-Sono morto.-

-Odio e disprezzo anche per il corpo di chi ti ha ucciso!-

La violenza è una condizione facile, la pace appare come una creatura debole, auspicata da tutti ma da nessuno attuata. Peccato che sia molto più facile vivere senza confliggere, e dunque affidarsi all’indolenza. Anche per questo si crede alla via da conquistare rispetto a quella che magari è per natura. Mi sto perdendo. Il ragionamento è sito prima, molto prima di tutto ciò. Prima di vedere l’indifferenza e l’apatia dei giovani, il loro pressappochismo nei confronti di ciò che li circonda e la non-voglia di saperne qualcosa in più, perché tanto non sarà mai vero abbastanza.

–E per quei manifestanti che cercano di ottenere dei risultati? Come è accaduto che fossero raggiunti, ad esempio trai più recenti, il voto per le donne? Come li definisci?-

–Come dei burattini.–

–È per questo che non manifesti? Che sei così indolente? Fosse per te brucerebbero le streghe. Non sopporto chi vive degli sforzi altrui. Non sopporto l’affitto. Ma nemmeno faccio dell’amore per il prossimo un cattivo amore per me stesso. La tua mente è ferma, come quella di un giovane che vive in una baraccopoli del Kenya, che si è appena comprato un iPhone, che ha un futuro come tantissimi altri, che potrebbe organizzarsi e invadere la città vicina dei ricchissimi e dei ricchi più ricchi, farla sua (o loro, ma i ricchi non sarebbero d’accordo tranne nel mulino che vorrei), vivere meglio (o comunque non vivere peggio) e festeggiare, mentre preferisce invece snobbare i suoi coetanei che vengono dalla parte “bassa” della slum?-

A questo conflitto io posso gridare moralisticamente di sì! Ma questa è prassi.

Invece, tornando indietro, non è che per caso la violenza è culturalmente alimentata da un forte senso di appartenenza strisciante? La riproduzione è naturale, ma la violenza? Spostandoci in natura, prendiamo le lumache e i bonobo, li avete mai visti duellare? I felini sì, ma sono un tipo tra tanti tipi. Non è che per caso gli uomini per via della cultura greca si sono convinti di essere violenti per natura? O meglio, di essere autocoscienze –per dirla alla hegeliana- che prima dell’incontro sperimentano la dimensione dello scontro/conflitto?

Erano pastori d’altro canto, chi col gregge più grande, chi meno. Non si può pretendere che conoscessero il messaggio cristiano vivaddio.

Ma perché privilegiare la personificazione della violenza a quella della volontà? Perché scontro anziché incontro? Perché mettere in atto una dialettica servo-padrone anche nel semplice dialogo? Ma la si tiri fuori dal cilindro della dialettica quando si tratta di giustificare il sopruso del proprietario del terreno sull’usufruitore dello stesso, ad esempio.

-Scusi che ore sono?-

-Si compri un orologio.-

-Me l’ha appena rubato lei!-

-Ecco, appunto. Vede che ho ragione?-

Sono molte le X per natura che si è tentato invano di giustificare, quando per natura pare soltanto il coito; per citare –non alla lettera- Schopenhauer.

Hegel e Locke insieme appassionatamente, davano addirittura alla proprietà privata valore di naturalità. Perché? Perché l’uomo dopo essersi posseduto, possiede l’esterno. Aspetta. Da quando l’uomo si impossessa di sé? Da quando l’illusione glielo fa credere, magari. Quindi dopo, per quanto riguarda l’esterno, può illudersi di comprare un’isola come Jhonny Depp? Nessun uomo può possedere un’isola. Neanche se tutti gli altri uomini riconoscono ciò, annuendo compiaciuti come grassi banchieri dopo una speculazione andata a “buon” fine.

Non è per caso che la convinzione dell’essere confliggenti per natura è il placebo che fa veramente diventare l’uomo un essere così poco evoluto? E pensare che dovevamo andare oltre l’uomo.

In determinati periodi storici, a causa di cattive e menzognere credenze, si pensava che gli esseri umani fossero una specie soltanto eterosessuale. Certo. Non distinguevano ancora il pinguino maschio da quelli femmina (i pinguini formano anche famiglie omosessuali senza alcun risentimento o protesta religiosa, meno che meno i trichechi), oppure non ne avevano proprio visto mai uno. Certo. Non avevano alcuni strumenti. D’accordo. La domanda dunque è se noi abbiamo gli strumenti per sondare questa tradizione di violenza per violenza e di abbandonarla al suo destino animalesco?

All’inizio del corso di Storia della Filosofia Contemporanea si chiese agli studenti –definite “violenza”–, senza pretendere per forza una boriosa ricerca del fondamento ontologico del concetto preso in esame. Io risposi: –Uno strumento dalle ripercussioni sia fisiche sia morali che attiene all’animalità dell’essere umano–, sottintesi –Di sicuro un essere umano che si sia scrollato di dosso certi atteggiamenti di certi animali (non è il caso dei bonobo) o che non li abbia neanche mai conosciuti/esperiti tali atteggiamenti per merito della fiorente situazione familiare, saprà smettere di usare violenza per ottenere dei risultati, saprà andare oltre l’animale, oltre l’uomo-animale–, magari smetterà di ottenere dei risultati nell’immediato. E magari poi lo crocifiggeranno.

La mia domanda è se per caso non sia la tradizione greco-arcaica a portarci nella direzione del Grande Male. La Grande Salute, che è il volere la perdita dell’orizzonte di senso e la perdita dell’orizzonte come orientamento, scaturisce davvero da un apollineo vietarci la vita? O, d’altra parte, da un dionisiaco logorarla così velocemente?

La violenza è per natura?

Rispondo sì e giustifico ogni sopruso. Dagli Achei che riducono in schiavitù gli abitanti dell’isola di Melo, ai lager, ai gulag, alla violenza sulla donna perpetrata col favore dell’ombra della notte, allo stupro del bambino che, indifeso, non può che subire il potere del più forte (Era la madre a doverlo proteggere! Ancora con queste leonesse. Ma si guardino i fenicotteri che adottano i cuccioli di altri fenicotteri!).

La legge di natura è davvero così? Oppure questa legge di natura è quella che si vuole far credere, che il potere vuole far credere che sia? Non è che stiamo giustificando il potere andando contro natura? In fin dei conti la natura è per la sopravvivenza e di certo non sopravvive bene un bambino traumatizzato in tenera età. Immagino che in futuro si possa comunque riprodurre, ma quale sarà l’esito probabile oltre al suicidio? Davvero physis è contraria alla generazione delle cose che crescono?

Non voglio essere presuntuoso come qualche mio coetaneo. Nella mia ricerca sarò pronto, forse un giorno, ad accettare di essere io l’ammalato di pacifite e a riconoscere che tutti gli altri son sani, a riconoscere che invece per la razza umana è naturale un approccio alla vita s-velatamente polemologico.

Chi si è innamorato di Macchiavelli?

“Quando una banca può controllare la sovranità degli Stati, il brivido del delirio di potenza è amplificato dall’elemento negativo che accompagna questo genere di sottomissione.”

Continuano i dibattiti e le riflessioni per il cinquecentenario dalla pubblicazione del Principe di Niccolò Macchiavelli. 

Macchiavelli se non altro ha indagato a fondo alcune dinamiche della politica e orientato i suoi studi senza morale.

In un brillante saggio M. Ricciardi sostiene che Macchiavelli nell’opera I Discorsi preferisse Roma e la sua struttura sociale all’oligarchica Venezia, perché Roma aveva quell’unità sociale che era garantita da istituzioni come il tribunato della plebe e aveva il cittadino armato pronto a difenderla e anche ad espanderla.

Venezia, invece, si serviva dei mercenari per proteggersi e questo ovviamente avrebbe consentito la diffusione della corruzione e pertanto alla decadenza. Se i soldi fossero il corrispettivo della passione.

L’autore del Principe pone il lettore di fronte molte constatazioni di un realismo schiacciante. Il suo intento era quello di prodursi in un’analisi lucida e forse un po’ cinica. Oppure anche lui era guidato da alcune particolari passioni.

È vero che una certa disposizione d’animo alla decadenza vede nello spirito di Venezia un esemplare sottile e raffinato. La Serenissima Repubblica non è solo espansione mercantile. È risvoltino dell’opulenza. A onore del vero un ampliamento di carattere militare diffonde lo stesso cultura, lingue, usanze, costumi, ma è grezzo, non è subdolo come un colonialismo economico.

Quando una banca può controllare le sovranità statali, il brivido del delirio di potenza è amplificato dall’elemento negativo che accompagna questo genere di sottomissione. Anche Des Esseintes si imponeva sulla realtà esterna e sul suo corpo, ma non di certo alla maniera di un atleta olimpico.

Ermete Trismegisto e Satana Trismegisto

Cristianesimo scoppiazza. Baudelaire e la figura di Satana trismegisto.

Ermete Trismegisto è un personaggio leggendario dell’età ellenistica venerato come grande sapiente, a lui è attribuito il Corpus hermeticum, una collezione di scritti dell’antichità che fu fonte d’ispirazione per il pensiero ermetico e del neoplatonismo rinascimentale.

Trismegisto significa letteralmente «tre volte grandissimo» a causa di questo epiteto alcuni collegano Ermete, dio greco del lògos, delle scienze tecniche e della comunicazione, con Thot, dio egizio delle lettere, dei numeri e della geometria. Era in effetti costume egizio quello di reiterare l’aggettivo «grande» prima del nome della divinità.

Entrambi sono al servizio di una divinità superiore (Ermete è messaggero di Zeus, Thot è lo scriba di Osiride); Ermete è dio della parola e Thot è dio della parola e della letteratura; entrambi sono psicopompi, accompagnatori delle anime dei defunti nell’oltretomba.

Per una certa critica il fatto che Baudelaire applichi a Satana l’epiteto di Trismegisto, denota la volontà di accostare a un Satana non propriamente cristiano la figura del dio Hérmes. Perché il Satana della concezione baudelairiana non è solo il sovrano dell’inferno, è colui che -senza ucciderti- ti accompagna verso l’inferno durante tutta la tua vita.

«Regge il diavolo i fili che ci muovono!

Un fascino troviamo in ogni cosa ripugnante;

ogni giorno, senza orrore, tra il puzzo delle tenebre,

di un passo verso l’Inferno discendiamo.»

L’estratto dalla poesia Au lecteur esplicita già le motivazioni della scelta del poeta. Satana, assieme a Cain, come possiamo rintracciare nella quinta sezione Révolté dell’opera Fleurs du Mal, è il primo dei grandi ribelli. Ed è Trismegisto perché anch’egli è duplice come Ermete. Da un lato il dio della tecnica, sembra aiutare l’uomo con la scienza e la conoscenza, il progresso e la comunicazione, dall’altro lato invece non salva l’uomo dall’estinzione e lo conduce comunque inesorabilmente alla morte.

Ad Ermete Trismegisto erano attribuiti numerosissimi libri di scienze e una gran quantità di conoscenze sulla scienza e in generale appartenenti all’ambito molto umano della téchne, gli era inoltre attribuita l’attività artistica.

Allo stesso modo, Baudelaire, attribuisce a Satana tali elementi e lo definisce come duplice e tre volte grandissimo. Satana non si presenta sotto forma di angoscia -quello è lo Spleen-, si nasconde nella società della tecnica, alimenta la falsa nozione di progresso, nei confronti della quale i cuori e gli animi dei borghesi sono già rapiti.

Il progresso è associato alle scienze e dunque al dio da cui derivare -secondo le idee che stiamo affrontando- le scienze stesse, ma non è qualcosa che migliora la condizione umana, se non all’apparenza, perché in effetti questo qualcosa/migliorare non può sconvolgere il sistema perché ne è interno, perché ne fa parte, dunque accompagna il sistema, non lo sconvolge, non lo migliora.

Da questa illusione interna allo stesso sistema notiamo come:

«Sul cuscino del male a lungo il Trismegisto Satana

lo spirito incantato culla, e il ricco metallo della nostra

volontà, vien svaporato da quel dotto chimico.»

Il dotto chimico come esperto delle nuove scienze è ancora una volta Satana. Questi poggia sul cuscino del male, elemento concreto, basso, della quotidianità affiancato ad un elemento alto, inventato, ideale, qual è la divinità, precisamente secondo lo stile dell’ossimoro baudelairiano.

Questo cuscino distoglie dal pensare alla pesanteur della condizione umana, e -volendo rintracciare un collegamento per nulla forzato- considereremo che i luoghi dove si fumava l’oppio erano disseminati di cuscini.

L’oppio si inserisce qui nel novero delle sostanze alteranti della percezione, chiamate dal poeta Paradisi Artificiali, cui dedicherà l’opera Les Paradis Artificiels nel 1860. Il Male dunque è presente sia che si distolga lo sguardo dalla angosciosa condizione umana, dalla putrida società borghese, sia che la si creda di vivere pienamente ed è in primo luogo -per il poeta che cerca una fuga- un cuscino, soffice e invitante, sul quale poter sprofondare.

Il crogiolarsi baudelairiano ha permesso la realizzazione di un’opera di notevolissimo pregio, è l’«auto contemplazione» del poeta come la definisce Sartre, ad aver -in tutta la sua splendente negatività- creato i fiori malati, imbevuti di Male.

Le istituzioni dello stato di natura secondo chi non ha capito nulla.

Il gallo non canta più perché vien strozzato dalla ruvida donna di campagna.

Simplicio spiegava il creazionismo «Il mondo poggia sull’elefante e l’elefante poggia sulla tartaruga.» Allora su cosa poggia la tartaruga? E perché Venere non ha il campo magnetico?

Perché Venere è amore?

Perché le misurazioni fin’ora condotte sono prevalentemente spettrografiche e la massa di Venere è troppo fumosa per permettere una rilevazione adeguata?

Domande per chi ha paura della scepsi.

Cavalli impazziti belano nello stato di natura.

Che schifo la natura.

È tutta colpa della physis. Grazie physis d’esserci! Altrimenti come faremo noi col nostro Esserci ad esserci? Come faremo ad invecchiare? A ripeterci nella generazione? A decadere?

E la pecora bagnata -che ho visto, era belata– mangiava erba squisita. Squittiva.

Il bonobo rantolante è il nostro Dio. Occuperà lui il trono! A lui le nostre prossime riflessioni morali!

I bonobi rantolanti gemono sordidi nei confessionali.

Gli uomini finalmente si sono estinti.

Cavalli impazziti gridano e sputano addosso ai lama durante l’ipotesi di lavoro mai-esistita-che-mai-esisterà altresì detta stato di natura.

E le cavalle coalizzate con le vacche uccidono i puledrini -protetti invano dal bue di m***a defecato dal tirannosauro- e ne fanno sfilacci morbidi e deliziosi che gusteranno le teste di cazzo di toro.

Altre cavalle si gassano in cucina a trentacinque anni.

Sono i germi del male, il quale -senza società- può proliferare dando origine alla società.

Che il libello di Hobbes sia tanto più inattaccabile logicamente quanto più sia inutile e quanto più gli sia riconosciuto il merito di aver derivato e giustificato il concetto di sovranità, è chiaro! La mistificazione logica sta nel fatto che nessuno sarà mai una cosa sola. Non posso mentire sempre. Non posso sempre dire la verità. Ancora una volta si totalizza la discontinuità, fallendo.

Mistificazione logica ridicola, mio caro. Ci vuole πρᾶξις.

Prendi Filmer, lui si è nascosto sotto il suo saio, dopo essersi accorto che il suo concetto di potere giustificato da una discendenza patriarcale è stato sgretolato da una lautreamontese martellata-spacca-cranio. Quanto è ridicolo un sovrano che eiacula il suo popolo? Certo, trattasi di una analogia, come il padre col figlio, così il sovrano con il popolo. Non significa certo che il sovrano debba andare di fiore in fiore senza preservativo. Il padre ha diritto e potere sul figlio solo perché è suo padre, quando in effetti il padre non sceglie il figlio e il figlio non sceglie il padre. Allora diremo che ne ha diritto perché ci conviene e ci convive giorno dopo giorno ed è più grande di lui, ma allora il fratello maggiore? E se il padre non è mai presente? (cosa che accadeva non di rado in passato) E perché continuiamo a non comprendere le donne? Eppure la regina Elisabetta -o se potessero ghigliottinarla solo per i cappelli- è immortale. No. Io ho diritto su di te perché tu sei stato nelle mie p***e. Nei miei scroti. Eri viscido e succulento sperma. Non disperarti, lettore, lo eri anche tu!

Vogliamo vivere in un mondo che si giustifica sulla discendenza di sperma? Fate pure ma Locke resta il meno peggio dei leccasanti.

Federico

Siamo stufi della donna soprammobile

Anni fa vidi un breve filmato, un documento storico in bianco e nero, di pessima qualità, datato tra gli anni ’50 e ’60, gli anni della RAI abbottonata, che sarà in seguito sconvolta nella sua compostezza da un ombelico scoperto (quello di una donna), il video mostrava un dibattito tra alcuni uomini con capelli leccati e unti di brillantina con la sigaretta fra le dita, che sorridevano divertiti ascoltando una donna dai capelli corti e chiari che trattava tematiche spinose per quei tempi quali: divorzio, aborto ed emancipazione femminile.

Ciò che mi colpì fu la pacatezza stoica della donna nel rispondere a delle domande e a delle argomentazioni anche un po’ maschiliste del presentatore e degli ospiti. Sebbene fosse continuamente derisa, perché ritenuta ingenua nella sperare cambiamenti così poco morali e radicali quali l’aborto o il divorzio, restò british nel comportamento, per tutta la durata del dibattito, dimostrando una estrema padronanza di sé ed in primo luogo degli argomenti. Certa che la sua richiesta di una maggiore libertà, di una più ampia gamma di scelte possibili, fosse più che legittima e soprattutto vincente.

La crisi dei ruoli tradizionali dei sessi fortunatamente non inizia col ‘900, ma si ha già dell’800 con la Belle Epoque. Durante il XX secolo ed attraverso battaglie agguerrite, il ruolo della donna nella società è cambiato molto, si è evoluto anche grazie ad una sempre maggiore considerazione della stessa come di un individuo e non come di un oggetto che si trasferisce dal padre al marito previa assegnazione di una dote, neanche fosse un assegno.

A questo punto si entrerebbe nel merito della questione dei matrimoni per ragion di Stato nel medioevo e per ragioni economiche subito dopo il 1500.

Anche se nel ‘900, grazie alle innumerevoli lotte e battaglie vinte, conosciamo una radicale trasformazione del ruolo della donna, non si deve dimenticare che, durante il Ventennio, il ruolo femminile subisce un’involuzione, un ridimensionamento, un’inquadratura. E così la donna si vede relegata a semplice moglie/madre/casalinga.

È una visione che viene da subito veicolata dalla televsione di propaganda fascista con le cosiddette commedie dei telefoni bianchi. E l’idea di casalinga giuliva ed operosa resta radicata molti anni dopo Piazzale Loreto; si pensi a Carosello e a Mike Buongiorno che pubblicizza le lavatrici e i ferri da stiro con lo slogan per la moderna donna della casa. Sì, è moderna, ma resta pur sempre della casa.

Fortunatamente alla fine del secolo breve le donne intraprendono qualsiasi carriera e sono ad esempio imprenditrici di successo, come la Marcegallia, Presidentessa di Confindustria, sindacato degli imprenditori e degli squali (di ambo i sessi).

I papà, dal canto loro, per par condicio diventano ottime baby-sitter.

Fermandoci in Italia, però, notiamo che, secondo le statistiche, le donne percepiscono una minore retribuzione a parità di mansioni svolte (questo già dalla fine dell’Ottocento) ed hanno una maggiore difficoltà nel trovare lavoro. Difficoltà intesa in senso stretto, ossia a parità di qualifiche nei curricula il datore di lavoro statisticamente assume più volentieri l’individuo di sesso maschile.

Basta che non si tratti di un posto come segretaria o di un ministero senza portafoglio come ambiente, pari opportunità, giovani, allora entrerebbero o scenderebbero in campo altre qualifiche avvantaggianti.

Un altro tipo di resistenza che il nuovo modello femminile incontra è il tradizionalismo che, barricato nel suo fortino di bacchettoneria, dà prova del fatto che il medioevo è imperante.

C’è chi crede nel ruolo malvagio della donna come seduttrice maligna, neanche a dirlo, Eva prima fra tutte. Cristiani. Cristo in realtà era una donna.

Non ci si crederebbe se non lo si vedesse coi propri occhi, si tratta di un dissenso espresso in internet da un esiguo gruppetto (gli unici che osano tradurre in parole quanto pensano?) in occasione della festa della donna, testa d’uovo primo fra tutti su Youtube.

Ma il fronte per la parità dei sessi si può far forte di innumerevoli personalità illustri, a partire dalle suffragette fino a Rita Levi Montalcini e anche individui del genere opposto quali ad esempio Piergiorgio Odifreddi o Pannella, sono innumerevoli lo ripeto.

La Montalcini è da sempre tra le combattenti prima linea per la parità dei sessi. Ha sfatato il mito che voleva l’uomo più capace nelle scienze rispetto alla donna. Ed è di qualche settimana fa la dichiarazione dell’insigne professore Umberto Veronesi il quale, durante la cerimonia per la consegna di cinque borse di studio a cinque studentesse vincitrici, ha detto non c’è nessuna differenza, questi premi lo dimostrano per l’ennesima volta,  non è vero che gli uomini sono più portati delle donna in ambito matematico, scientifico, tecnologico o delle scienze in generale e per fortuna!.

Anche in ambito letterario sono moltissime le scrittrici che hanno raggiunto il successo. Del Novecento, però, quelle che maggiormente si sono rese interpreti della crisi sociale dei ruoli inseriti nella società sono senz’altro Sylvia Plath e Virginia Wolf.

Quest’ultima nei suoi romanzi presenta spesso una donna incatenata al suo ruolo, che cerca di liberarsi e cerca anche di esprimere liberamente la sua sessualità divincolandosi dall’idea di donna come strumento di piacere o macchina per partorire.

Oggigiorno pare quasi che esistano due femminilità, come se nel tempo la donna si fosse sdoppiata e fosse rimasta da una parte oggetto dell’uomo, basti pensare alle ragazzi di Drive-in, per riprendere l’esempio televisivo, dall’altra soggetto di se stessa.

È quest’ultima l’idea che la scrittrice V. Wolf voleva liberare, far volare e si auspicava sormontasse la prima.

E anche se alla fine una delle protagoniste di Mrs Dalloway, relegata in campagna, si suicida dopo aver tentato la fuga con un treno per Londra aspirando alle vibranti scosse della Capitale, per raggiungere una maggiore emancipazione dal marito e da se stessa, dal ruolo che gli è rimasto incollato addosso, non si pensi al suicidio come a qualcosa di riprovevole, anzi, forse è proprio quel atto che permette alla protagonista di sperimentare la propria libertà.

Arrivati fino a questo segno, dopo aver scandalizzato Lucia Mondella, non possiamo però sostenere che attualmente si sia risolto il complesso problema della concezione della donna-oggetto (programmi televisivi in prima serata a parte), in favore della sempre più prevalente visione di una donna che è soggetto, individuo a sé stante, che non deve dipendere dagli uomini o da essi essere compatita. D’altra parte grazie alla costantemente crescente parità dei sessi è possibile constatare come in molti casi venga, da qualche decina d’anni, veicolata un’idea nuova, soprattutto in televisione, di appetibile uomo-oggetto.

Una gran consolazione.

Arcivescovo di Trento: Gay si diventa

La notizia è stata diffusa sul web dall’immancabilmente puntuale UAAR (Associazione Atei Agnostici Razionalisti), un’associazione che in barba a Gianni Toffali ed altri estremisti, si propone di diffondere notizie a proposito di ateismo e anche omosessualità; quell’omosessualità tanto osteggiata dalle confessioni religiose più tradizionaliste.

[fonte della notizia http://www.uaar.it/news/2010/12/23/arcivescovo-di-trento-gay-si-diventa/]

Non scriverò un articolo perché questa dichiarazione non è davvero da prendere in considerazione come notizia.

Dede

La virginale mascolinità è fatta Santa.

Nasceva in una delle tante zone rurali della Francia, nel 1412, da una coppia di contadini a Domrémy sulla Mosa al confine con la Champagne, Giovanna d’Arco. Una ragazza che non sapeva né leggere né scrivere, nel 1425 sostiene di aver udito le parole ed di aver avuto visioni dell’Arcangelo Michele, di Santa Margherita e di Santa Caterina. Alcuni studiosi hanno interpretato questo suo comportamento come una tempesta ormonale amplificata dall’ambiente profondamente religioso in cui la giovane viveva, altri come una forma di tumore al cervello, o come schizofrenia, o come isteria scatenata dalle numerose scene di violenza provocate dai soldati inglesi alle quali si assisteva regolarmente e direttamente. Per i credenti la spiegazione è più semplice, le voci erano vere perché Giovanna era una Santa e la volontà di Dio nei suoi confronti era chiara: liberare i territori della Francia invasi dagli inglesi. Volontà di Dio o no, la contadinella riuscì nel suo intento di liberare dapprima la città Orléans, unico ostacolo che impediva ancora all’Inghilterra di avere la strada spianata, e in seguito di condurre l’erede al trono di Francia all’incoronazione.

Disse addio alla sua vita di contadina, si lasciò alle spalle casa, famiglia, possibilità di diventare un giorno moglie e poi madre, per mettersi in viaggio. Vestita di abiti maschili incontrò il Delfino giungendo, nel 1429 la domenica del 6 Marzo, a Chinon, dopo aver percorso circa seicento chilometri su territorio nemico. Un interrogativo storico rimane come sia riuscita a convincere l’erede al trono di Francia della veridicità divina della sua missione, fatto sta che viene posta una modesta armata al seguito di Giovanna e le viene assegnato lo stendardo. Così l’8 Maggio 1429 si avvera ciò che le voci le avevano profetizzato, la Pulzella libera Orleans. È probabile che si sia innestato un meccanismo psicologico sia nei francesi sia negli inglesi amplificato nell’effetto a causa del fertile periodo storico appunto superstizioso e profondamente influenzato da credenze di tipo religioso ma anche animistico-spiritico.

La fama della Pulzella raggiunge gli alti vertici che tenevano le redini politiche della Guerra dei Cent’Anni, èd è considerata scomoda e di troppo. Ne consegue che nel Maggio del 1430 durante la difesa della città di Compiègne, forse perché il Delfino non ha inviato i rinforzi promessi, forse perché il Comandante esautora Giovanna ed ordina di chiuderla al di fuori delle mura, probabilmente previa ordine del Delfino o essendosi impaurito del fatto che gli inglesi avrebbero potuto riversarsi in città, questa nota ed importante figura apparsa da poco sullo scenario politico viene catturata dai Borgognoni.

Il popolo, dopo questo evento, la riterrà una strega, visto che se fosse stata mandata da Dio sarebbe dovuta riuscire nell’impresa e lo stesso Dio avrebbe dovuto impedire che venisse catturata, e la Chiesa, spaventata specialmente dal carisma di tale personaggio, decide di processarla per eresia.

Dapprima Giovanna viene sottoposta ad un esame approfondito sulla sua verginità, in quanto si riteneva che Satana rendesse schiavi gli umani attraverso lussuriosi e sconci atti sessuali. Ne risultò che la giovane era vergine e cadde la prima ipotesi. Sussisteva ancora la possibilità che fosse una strega, così per cinque mesi fu interrogata sulla sua devozione alla Chiesa e a Dio, sulla sua moralità di cristiana e di donna e sulla sua ortodossia (da orto + doxa – le dritte opinioni). Ma anche in questo caso la Pulzella analfabeta tenne testa ai più importanti studiosi di teologia dell’epoca, venuti appositamente dall’università di Parigi. Le risposte della giovane furono spiazzanti, e il fatto che il processò proseguì insistentemente denota come fosse la più grande farsa giudiziaria di tutto il medioevo. Fu condannata infine per il suo vestirti da uomo, estremamente utile e comodo in situazioni di guerriglia, perché una frase del Deuteronomio impediva agli uomini di indossare abiti femminili e viceversa.

Viene condannata al rogo come relapsa ed eretica all’età di soli diciannove anni. Nella piazza del mercato vecchio di Rounen però lei, prima di essere legata al ligneo palo dell’anche conosciuta come ordalia del fuoco, ritratta tutto, si pensa fosse terrorizzata all’idea di dover morire dopo atroci sofferenze. Meglio il carcere e la vita. Abiurerà perciò riguardo tutte le sue affermazioni portate avanti fino a quel momento con sentita convinzione. E, dopo che le fu revocata la condanna, venne sbattuta in carcere. Il periodo di prigionia di Giovanna non durò molto perché ritratto le sue ultime dichiarazioni, riconfermando tutto quello che aveva precedentemente smentito, così il 30 Maggio del 1431 morirà sul rogo.

La figura di Giovanna d’Arco viene riabilitata vent’anni dopo nel 1455, poiché si dichiara l’illegittimità del processo inglese, così l’allora monarca di Francia Carlo VII è riconosciuto legittimo perché non più incoronato da una eretica. Dopo quasi cinque secoli di tacita riflessione il Vatico la dichiarerà Santa.

Non è possibile quindi sostenere la santità della giovane e al contempo ritenere corretto il comportamento dell’istituzione religiosa più importante ed influente nel periodo medievale. Credere alle visioni di Giovanna significa dichiarare apertamente l’errore della Chiesa commesso in quegli anni.

È interessante notare come il processo sia riuscito a condannarla al rogo grazie ad un unico passaggio di un libro della Bibbia. “La donna non indosserà abiti da uomo, né l’uomo indosserà abiti da donna, perché chiunque fa tali cose è in abominio all’Eterno, il tuo DIO.” (Deu 22:5)

Effettivamente non è poi una tematica da considerarsi di poco conto. Si tratta di una problema di costume sociale già presente nel periodo dell’Impero Romano, quando con il termine latino vir si indicava il maschio forte e, non a caso, virile, dedito all’arte della guerra dalla postura eretta e dall’atteggiamento valoroso, e di conseguenza la donna era tutto l’opposto, dedita prettamente all’ambito domestico, mite e riservata. E comunque se si volesse andare a ritroso fioccherebbero le situazioni nelle quali era voluta e ben delineata la distinzione dei due sessi.

Per quanto riguarda i nostri giorni dunque è chiaro che, nelle istituzioni a stampo più tradizionalistico, rimangano degli echi piuttosto fastidiosi di quelle obsolete usanze del passato.

Nel 1967, all’università Cattolica di Milano, era vietato alle studentesse indossare i pantaloni. Basterebbe questo dettaglio per far capire quanto potesse essere disturbante, fino a non molti anni fa, una donna vestita da uomo [Il Giornale art. del 20 luglio 2007].

Era dunque una motivazione valida quella portata avanti dai membri del Tribunale? Giovanna d’Arco era forse un troppo rivoluzionario esempio di come una donna potesse arrivare ad ambire posizioni sociali alla pari dell’uomo?

Il fatto che questo personaggio avesse una profonda religiosità distacca il discorso generale da una possibile argomentazione a senso unico incentrata sulla laica emancipazione femminile.

In un senso lato Giovanna rivendica i territori francesi e lo fa da donna in un modo impetuoso non accettabile per l’epoca. Questa è d’altronde una possibilità da tenere in alta considerazione. Anche perché ultimamente le donne si stanno facendo sempre più largo a spallate nel panorama politico come in tutti gli altri ambiti, e il vestirti da uomo piuttosto che da donna e viceversa è sempre più tollerato.

Dunque non ci si sofferma più di tanto a pensare che Giovanna d’Arco vestisse come un uomo, e cade così anche l’ultima obbiezione portata avanti cinque secoli. La crescente tolleranza, conseguenza dello sviluppo Europeo e di tutta la civiltà mondiale, ha permesso forse che fosse più facile considerare Santa la Pulzella d’Orleans. E allora quanto ancora vanno tenuti in considerazione i dettami del Deuteronomio?

Giovanna si presentò il giorno dell’ultima udienza davanti al Vescovo di Beauvais, Pierre Cauchon, suo principale inquisitore, vestita da cavaliere, per sottolineare la sua parità a livello spirituale. Quella corazza che pesava qualcosina in più di un abito con gonna non era fastidiosa per Giovanna tanto che, si racconta, ci dormisse pure.

Secondo la Santa quindi quanto bisogna tenere in considerazione quel insegnamento? E al giorno d’oggi ha ancora senso anche solo leggerlo? Ha senso perlomeno per capire quanto si è evoluta la società, che deve ringraziare personaggi come la Pulzella, i quali hanno permesso rivoluzionarie modifiche nel pensiero comune, delle straordinarie inversioni di marcia nella visione collettiva del mondo.