Chiudo il canale, non la lotta all’omofobia

Ringrazio di cuore tutti quelli che ho conosciuto e che hanno apprezzato il mio voler proporre la discussione sopra la sola risata.

«La lotta all’omofobia rappresenta un esercizio che non si può esaurire; non ora, non in questi termini.»

«Youtube ha inaugurato la mia e nostra battaglia.»

«Spingere il ragazzo a rispondere/interagire con il carnefice è pura barbarie, bisogna difenderlo.»

«Vale la pena chiudere il canale anche solo per poter cestinare le centinaia di migliaia di commenti omofobi»

youtube-23-535x535

Voglio premettere che la quasi totalità delle persone con cui mi sono confrontato trova che le argomentazioni proposte nei mie video, quando non addirittura banali nella loro semplicità e verità, generalmente sono state sempre condivisibili e ragionevoli.

Chiudo il canale nato nel 2009. Il fenomeno del broadcasting individuale stava appena prendendo piede quando mi accingevo a registrarmi su Youtube, gli studiosi del 2.0 erano appena stati sguinzagliati. Io invece producevo. Non mi vergogno a scrivere che ero ben presente quando Youtube sembrava ancora qualcosa di libero.

A conti fatti YT è servito in un periodo di assestamento della mia vita a garantirmi l’appoggio sebbene virtuale di persone meravigliose che ringrazio fin d’ora per il loro sostegno, i loro messaggi personali, i commenti agguerriti, le lunghe chattate disinteressate. Questa confessione è anche un lungo e sentito ringraziamento. Devo loro molto, tra cui le cristalline considerazioni, per nulla banali al tempo, che l’orientamento sessuale, qualunque fosse, non rappresenta motivo di scherno né che da una sua espressione non-tradizionale debba discendere uno stigma. La remissività e lo sdegno magari componenti del mio carattere attuale sono inezie pusillanimi che Dede Nancy, di fronte a una telecamera, pensava bene di dimenticare del tutto.youtube

Il canale iosonodede è servito allo scopo di inaugurare una guerra che prima era combattuta solo da un fronte nei miei riguardi. Una situazione di ingiustizie subite, quest’ultima, che ho scoperto, soltanto dopo, accomunare molti adolescenti. Ma nel dolore dell’esclusione sociale si è soli per definizione. Dunque Dede segna l’inizio del mio controfuoco come necessità. Sarebbe bastato così poco per farla smettere, questa guerra, dico. Una riposta ben piazzata. Quando rispondi non se lo aspettano e affermi anche la tua estensione fisica, la tua presenza e, se lo fai bene, suscitando un riso-di-rimando, affermi anche la tua virilità. Ma perché questa dev’essere la strada? Il postmoderno mi aveva inconsapevolmente aperto a una chance diversa, più civile. Spingere qualcuno ad interagire con il carnefice inoltre è pura barbarie, questa frase vuole essere un monito. Ora che chiudo il canale la guerra è finita?

Attraverso quell’account ho imparato diverse cose e ho impattato con la società civile e la sua frammentazione. (Col canale ho anche tenuto compagnia alla mia professoressa di italiano del liceo, durante i giorni che ha trascorso in ospedale. E altro)

Ho notato, per dirne una già nota ai più, che con la formula della comicità si possono esprimere idee ben più terribili e mirate che con la discussione: il giullare vive, il moralista muore.

La comicità, anche grottesca, se suscita la risata dà all’utente la percezione di aver investito il suo tempo in benessere, qualunque sia l’argomento proposto. Inutile ribadire l’effetto neutralizzante di questo schema, come altrettanto inutile è riconsiderare che una impostazione dialogante aperta alla discussione (la mia) non è stata, come credevo, capace di attuare una ricerca della verità ma solo di costruire la poltrona dalla quale l’individuo moderno, senza dover camminare, monade e custode delle sue chiavi che sono un telecomando o un touch, si costruisce il suo paradiso.


Insomma, dato che ognuno suppone la sua verità, non mi era possibile intavolare una discussione se non in rarissimi momenti. Piuttosto interponevo delle battute ai messaggi che proponevo o cercavo di rendere una forma del contenuto più rilassata, per adeguarmi ai ritmi, ma tutto ciò è stato letto, al contrario, come superficialità.

Il motivo per cui chiudo Youtube è che ho trovato altri canali per combattere l’omofobia; canali compartecipati. In campagna la telecamera, in città l’associazione. Lo chiudo anche per il fatto che il mondo del lavoro non è adatto a forme evidenti di a-convenzionalità, sebbene premi la perseveranza di idee non-convenzionali, apprezzando quel uncommon creativo pur sempre finalizzato al profitto, che magari passa fugacemente per la creazione di benessere personale. La mancanza di convenzioni è il grande limite del mio personaggio, Dede non ascolta le regole perché si è ritrovato scaraventato all’esterno di queste, eppure mantiene nei confronti dell’altro, senza appartenenze, un incredibile rispetto. Mentre ironicamente sarei potuto essere rispettato maggiormente se ci avessi guadagnato. Ma questo non è mai accaduto ed è un altro discorso. Essere un pioniere di Youtube significa tratteggiarmi come un videomaker amatoriale che non ha disposto certo di mezzi cinematografici di alto livello, ma questo anche per una precisa scelta-di-contesto. Youtube non era Hollywood. Non era.

In realtà non nasco nemmeno proprio come attivista, dai 16 anni la mia campagna di informazione contro l’omofobia comincia per il motivo che anche io volevo esserci, mi sentivo escluso dalle dinamiche. Il ragazzo di campagna teme di essere solo al mondo è un leitmotiv già sentito, ma pur sempre da evidenziare. È difficile, non impossibile, che qualcuno che non sperimenta il ritrovarsi al di fuori della maggioranza, sostenga la minoranza. Anche grazie a una parziale esclusione da certe dinamiche si sviluppano delle sensibilità. Così l’attivismo. Nulla di autoesaltante. Anzi.

Ho letto tanti insulsi insulti, fra i quali però ho riconosciuto dei barlumi. Alcuni di quelli che insultavano sono ritornati poi a chiedere scusa, dicendo di essersi finalmente accettati come omosessuali. Rari casi. Non farò nomi e cognomi per motivi di privacy ma devo moltissimo anche a tutti quelli che mi hanno difeso. Il mito virile del maschio che non chiede e non si fa aiutare è caduto e comunque meno che meno è mai esistito tra i fasci di combattimento che sono gruppi per definizione, non singoli.

Se Tersite avesse avuto un canale Youtube, avrebbe forse riscattato se stesso e i soprusi subìti, specie quelli da parte di Odisseo –immagine del perfetto prevaricatore–. La telecamera l’avrebbe dipinto come vittima di bullismo perché portatore di una verità schiacciante. La telecamera spezza la catena. La rispostina, no. Se Tersite avesse avuto un canale non ci sarebbe magari stato tramandato in questa luce antieroica come invece è successo a causa della compiacenza di un poeta.

Certo non è bene tradurre il passato con la propria personale concettualità, ma questo è valido fino a un certo punto. No? Qual è il motivo per cui è calendarizzata la giornata della memoria se non perché non possiamo accettare lo scandalo del passato come veramente accaduto? Ricordare l’indicibile. Ma indicibile per noi, non per la concettualità di chi, nel passato, lo poteva concepire. Ma sto divagando.

video-camera-movements

Perché mi sono proposto in modo eccessivo? Capelli biondi e trucco? L’essere eccessivo rientrava in una logica di diffusione più alta dei contenuti, questo schema mi è stato imposto, pena il non-esistere. L’eccessività di Dede Nancy rientrava anche in una sorta di voltairiano test di tolleranza dell’utente medio, tutto questo a scapito della produzione di una chiara fama in positivo. Non che la tolleranza sia un bene, la considero un presupposto.

Per molti italiani non v’è nulla di meno accetto del nuovo, tranne quando è innovativo. Questo nuovo o è chiaramente la comodità delle comodità o si deve ammantare di tradizionalismo per essere accettato. Un adolescente ragionevole e che riflette su tematiche importanti mentre i suoi coetanei ne sono completamente avulsi, è uno sprovveduto e un catalizzatore di insulti.

Sapete, non ho mai capito che problemi abbiano gli esseri umani con la virilità. Questi problemi si riflettono anche nel linguaggio (non nella langue), tanto che questo linguaggio è sempre pronto a deprezzare l’essere femminile, perché molle e passivo. Insomma, se ci si pensa un attimo, una donna connotata positivamente è una donna con le palle.

Ma l’insulto “vaffanculo” è un augurio! Significa “Salute, tanto sesso, tanti soldi, ecc.” A un “vaffanculo” si risponde “d’accordo, ti ringrazio.” Invece orrendo come insulto è, solo per fare un esempio, “auguri e figli maschi”. Suvvia, procediamo verso la società senza padri.

Se sapevo che ogni contenuto che proponevo, nel mio centinaio di video, sarebbe stato neutralizzato in partenza perché ognuno oggi si suppone garante di una inviolabile, personalissima e relativissima verità? No.

Amavo illudermi con lo spirito del martire. È infatti giusto che gli schiavi si lamentino di essere tali, come è giusto che qualcuno si lamenti di essere vessato e picchiato solo a causa di un polso ballerino. A questo mondo esiste il caos e non c’è un ordine naturale, per lo meno non è dato all’uomo percepirlo o conoscerlo, al massimo può tradurre certi aspetti del mondo –ma solo quello che esperisce– in linguaggio matematico, però a patto che tali considerazioni seguano esperimenti formulati in un paradigma, e comunque le formule non fanno di certo un tanto sbandierato ordine cosmico. Dico, è solo perché l’uomo è finito che è così ben visto l’infinito.

Spirito del martire. Fare la vittima?

Youtube e gli articoli vari, tra cui quelli sul mio blog La Penna Rossa, sono la prova che mi sono reso operativo invece che piangermi addosso e le collaborazioni con Shake lgbte, con Arcigay, con i vari enti e Comuni sono motivo di vanto. Certo conto sulla mano le volte del “ho letto il tuo blog” rispetto a quelle del “ho visto i tuoi video”.

Ora, se nel mondo gay è preferito il bello all’attivista a me non interessa. La mia lotta, come ho scritto, è nata non per farmi bello o esaltare la mia cultura, come pensano molti evidentemente con complessi culturali di inferiorità, ma per opporsi con fermezza agli pseudobulli, pseudobigotti, pseudofascisti e via dicendo. Con l’intento finale di azzerarli.

Nel mulino che vorrei non c’è spazio per l’omofobia della Barilla, né per il settarismo naturale degli adolescenti.

L’omosessualità d’altro canto manterrà sempre un vantaggio su altri tipi di divisioni; può raggiungere qualunque posto senza bisogno di propaganda, perché ci pensa la natura.

Che cos’è una telecamera?

La telecamera, che l’antieroe Tersite l’abusato non aveva, è la finestra con la quale ti affacci a un mondo apparentemente intero e parziale, nel senso distorto di una digitalizzazione. La telecamera associata a un sistema di broadcasting mondiale mi ha aiutato anche a incutere timore ai bulli ma nel frattempo mi ha caricato sulle spalle di riflessioni e responsabilità non richieste.

Vince lo slogan e il motto di spirito contro la barbarie, perché con la battuta non si passa per vittime ma per indifferenti superiori. E questo è appurato. Peccato che quando la sofferenza l’hai vissuta è difficile poi non prendersi sul serio e prodursi in proposizioni ilari. Ma ci si prova e molti ci riescono. I gruppi e la loro morale eteronoma e gretta non vedono che una minaccia nell’entusiasmo delle persone. Vessarmi era d’obbligo mentre cercavo di inaugurare per la mia vita un po’ di futuro. Quando attorno a te è fuoco, il futuro è lusso.

Ma producevo video per tutti i motivi che ho elencato, preparavo testi e stampavo e leggevo anche perché è indicibile d’altra parte la soddisfazione che ricevevo tutto le volte che mi venivano recapitati, via mail o nella posta del canale, messaggi che mi ringraziavano anche solo di esistere. Qualcosa che non avrò più.

Con la chiusura del canale finisce la lotta all’omofobia?

La lotta all’omofobia è l’esercizio di una guerra fisica e psichica mai interrotta ma solo allentata in certi momenti. Per questo dibattito –che non dovrebbe aver motivo d’esistere!– incentrato sulle espressioni omofobiche, il web rappresenta una fonte di sostentamento cosmopolita. Purtroppo con le piattaforme ho conosciuto, come altri assieme a me, anche tutta quella reflua ignominia che scorre dalle tastiere del mondo. È il caso di dirlo, vale la pena chiudere il canale, se non per la cancellazione della mia faccia dal web, almeno per il fatto di poter cestinare le centinaia di migliaia di commenti omofobi.

Riporto alcuni commenti che danno una cifra sommaria di quale fosse la partecipazione contro l’omofobia


Schermata 2014-04-26 alle 19.25.07

Schermata 2014-04-26 alle 19.20.54 Schermata 2014-04-26 alle 19.25.23Schermata 2014-04-26 alle 19.21.22 Schermata 2014-04-26 alle 19.21.10Schermata 2014-04-26 alle 19.21.29Schermata 2014-04-26 alle 19.22.22Schermata 2014-04-26 alle 19.22.48Schermata 2014-04-26 alle 19.24.27
Schermata 2014-04-26 alle 19.27.52Schermata 2014-04-26 alle 19.28.08

Annunci

Natura, pòlemos e violenza – parole a caso di un intervento in classe

Che Carlo Michelstaedter fosse ammalato di depressione, privilegio consentito a chi ha il padre alla direzione dell’ufficio delle Assicurazioni Generali di Trieste, possiamo soltanto supporlo. Che abbiano influito su di lui letture di autori dal padre indolente e dalla madre di uterina autorità, quali ad esempio Leopardi, anche.

Le sue considerazioni teoretiche a proposito del concetto di violenza e di pòlemos (forse non come lo intende Hitler nel Mein Kampf), ma come lo intende Umberto Curi nel libro dal titolo appunto pòlemos, ossia come un conflitto anteriore ai confliggenti, possono però essere lette alla luce di questo particolare contesto autobiografico.

Senza contare che Michelstaedter dimostra un atteggiamento nei confronti del circostante a sé tipico di quelli che si attaccano e fanno propria una zona, violenta, sublime, profonda, del mondo greco.

Non è che per caso la violenza è culturale? La matrice, la sua genesi è la cultura di un certo tipo di popolazione violenta e aggressiva di certo impostasi su altre popolazioni di stampo più pacifico? Non lo so. Ma so che tra poco non avremo neanche più esempi dal mondo animale cui riferirci. I bonobo muoiono continuamente di crepacuore. Sono animali che non confliggono, e che –Freud direbbe– scaricano le loro pulsioni aggressive (se ne hanno) in mete di tipo sessuale. E se fossero le nostre umane pulsioni sessuali ad essere scaricare in pulsioni aggressive?

-Elena! Ti voglio.-

-Non puoi avermi.-

-Uccido tutti. Bruci la città che ti ospita!-

-Patroclo, dove sei?-

-Sono morto.-

-Odio e disprezzo anche per il corpo di chi ti ha ucciso!-

La violenza è una condizione facile, la pace appare come una creatura debole, auspicata da tutti ma da nessuno attuata. Peccato che sia molto più facile vivere senza confliggere, e dunque affidarsi all’indolenza. Anche per questo si crede alla via da conquistare rispetto a quella che magari è per natura. Mi sto perdendo. Il ragionamento è sito prima, molto prima di tutto ciò. Prima di vedere l’indifferenza e l’apatia dei giovani, il loro pressappochismo nei confronti di ciò che li circonda e la non-voglia di saperne qualcosa in più, perché tanto non sarà mai vero abbastanza.

–E per quei manifestanti che cercano di ottenere dei risultati? Come è accaduto che fossero raggiunti, ad esempio trai più recenti, il voto per le donne? Come li definisci?-

–Come dei burattini.–

–È per questo che non manifesti? Che sei così indolente? Fosse per te brucerebbero le streghe. Non sopporto chi vive degli sforzi altrui. Non sopporto l’affitto. Ma nemmeno faccio dell’amore per il prossimo un cattivo amore per me stesso. La tua mente è ferma, come quella di un giovane che vive in una baraccopoli del Kenya, che si è appena comprato un iPhone, che ha un futuro come tantissimi altri, che potrebbe organizzarsi e invadere la città vicina dei ricchissimi e dei ricchi più ricchi, farla sua (o loro, ma i ricchi non sarebbero d’accordo tranne nel mulino che vorrei), vivere meglio (o comunque non vivere peggio) e festeggiare, mentre preferisce invece snobbare i suoi coetanei che vengono dalla parte “bassa” della slum?-

A questo conflitto io posso gridare moralisticamente di sì! Ma questa è prassi.

Invece, tornando indietro, non è che per caso la violenza è culturalmente alimentata da un forte senso di appartenenza strisciante? La riproduzione è naturale, ma la violenza? Spostandoci in natura, prendiamo le lumache e i bonobo, li avete mai visti duellare? I felini sì, ma sono un tipo tra tanti tipi. Non è che per caso gli uomini per via della cultura greca si sono convinti di essere violenti per natura? O meglio, di essere autocoscienze –per dirla alla hegeliana- che prima dell’incontro sperimentano la dimensione dello scontro/conflitto?

Erano pastori d’altro canto, chi col gregge più grande, chi meno. Non si può pretendere che conoscessero il messaggio cristiano vivaddio.

Ma perché privilegiare la personificazione della violenza a quella della volontà? Perché scontro anziché incontro? Perché mettere in atto una dialettica servo-padrone anche nel semplice dialogo? Ma la si tiri fuori dal cilindro della dialettica quando si tratta di giustificare il sopruso del proprietario del terreno sull’usufruitore dello stesso, ad esempio.

-Scusi che ore sono?-

-Si compri un orologio.-

-Me l’ha appena rubato lei!-

-Ecco, appunto. Vede che ho ragione?-

Sono molte le X per natura che si è tentato invano di giustificare, quando per natura pare soltanto il coito; per citare –non alla lettera- Schopenhauer.

Hegel e Locke insieme appassionatamente, davano addirittura alla proprietà privata valore di naturalità. Perché? Perché l’uomo dopo essersi posseduto, possiede l’esterno. Aspetta. Da quando l’uomo si impossessa di sé? Da quando l’illusione glielo fa credere, magari. Quindi dopo, per quanto riguarda l’esterno, può illudersi di comprare un’isola come Jhonny Depp? Nessun uomo può possedere un’isola. Neanche se tutti gli altri uomini riconoscono ciò, annuendo compiaciuti come grassi banchieri dopo una speculazione andata a “buon” fine.

Non è per caso che la convinzione dell’essere confliggenti per natura è il placebo che fa veramente diventare l’uomo un essere così poco evoluto? E pensare che dovevamo andare oltre l’uomo.

In determinati periodi storici, a causa di cattive e menzognere credenze, si pensava che gli esseri umani fossero una specie soltanto eterosessuale. Certo. Non distinguevano ancora il pinguino maschio da quelli femmina (i pinguini formano anche famiglie omosessuali senza alcun risentimento o protesta religiosa, meno che meno i trichechi), oppure non ne avevano proprio visto mai uno. Certo. Non avevano alcuni strumenti. D’accordo. La domanda dunque è se noi abbiamo gli strumenti per sondare questa tradizione di violenza per violenza e di abbandonarla al suo destino animalesco?

All’inizio del corso di Storia della Filosofia Contemporanea si chiese agli studenti –definite “violenza”–, senza pretendere per forza una boriosa ricerca del fondamento ontologico del concetto preso in esame. Io risposi: –Uno strumento dalle ripercussioni sia fisiche sia morali che attiene all’animalità dell’essere umano–, sottintesi –Di sicuro un essere umano che si sia scrollato di dosso certi atteggiamenti di certi animali (non è il caso dei bonobo) o che non li abbia neanche mai conosciuti/esperiti tali atteggiamenti per merito della fiorente situazione familiare, saprà smettere di usare violenza per ottenere dei risultati, saprà andare oltre l’animale, oltre l’uomo-animale–, magari smetterà di ottenere dei risultati nell’immediato. E magari poi lo crocifiggeranno.

La mia domanda è se per caso non sia la tradizione greco-arcaica a portarci nella direzione del Grande Male. La Grande Salute, che è il volere la perdita dell’orizzonte di senso e la perdita dell’orizzonte come orientamento, scaturisce davvero da un apollineo vietarci la vita? O, d’altra parte, da un dionisiaco logorarla così velocemente?

La violenza è per natura?

Rispondo sì e giustifico ogni sopruso. Dagli Achei che riducono in schiavitù gli abitanti dell’isola di Melo, ai lager, ai gulag, alla violenza sulla donna perpetrata col favore dell’ombra della notte, allo stupro del bambino che, indifeso, non può che subire il potere del più forte (Era la madre a doverlo proteggere! Ancora con queste leonesse. Ma si guardino i fenicotteri che adottano i cuccioli di altri fenicotteri!).

La legge di natura è davvero così? Oppure questa legge di natura è quella che si vuole far credere, che il potere vuole far credere che sia? Non è che stiamo giustificando il potere andando contro natura? In fin dei conti la natura è per la sopravvivenza e di certo non sopravvive bene un bambino traumatizzato in tenera età. Immagino che in futuro si possa comunque riprodurre, ma quale sarà l’esito probabile oltre al suicidio? Davvero physis è contraria alla generazione delle cose che crescono?

Non voglio essere presuntuoso come qualche mio coetaneo. Nella mia ricerca sarò pronto, forse un giorno, ad accettare di essere io l’ammalato di pacifite e a riconoscere che tutti gli altri son sani, a riconoscere che invece per la razza umana è naturale un approccio alla vita s-velatamente polemologico.